Il futuro ormai è vicinissimo: nel cantiere del secondo lotto del Centro Nazionale le due palazzine che accoglieranno le residenze per gli ospiti a tempo pieno sono pressoché terminate in ogni dettaglio.

In tutti i 14 appartamenti gli impianti sono stati realizzati e sono stati posati pavimenti, infissi e porte. Gli ascensori attendono solo di essere collaudati, mentre si stanno avviando le pulizie di cantiere per poi partire con l’arredamento. Per le pareti degli appartamenti è stato abbandonato il classico bianco, che ricorda un po’ gli ospedali: qua e là ci sono zone colorate che rendono gli appartamenti ancora più accoglienti, più casa. Un dettaglio importante, in una struttura pensata su misura per le esigenze di persone con sordocecità e pluriminorazione psicosensoriale, sono i bagni: ogni appartamento ha 4 posti letto, ognuno è dotato di bagno privato.

In ciascun nucleo c’è una camera attrezzata per ospitare una persona con disabilità motoria e in alcuni casi dei binari a soffitto permettono la movimentazione dell’ospite dal letto al bagno, in sicurezza.

Le due palazzine consentiranno di raddoppiare i posti letto disponibili a Osimo, dando risposta alla preoccupazione con cui tante famiglie guardano al “dopo di noi”.